Metodo Smart Break

metodo smart break .jpg
 Infografica metodo S.M.A.R.T. per riequilibrare il proprio rapporto con lo smartphone

Infografica metodo S.M.A.R.T. per riequilibrare il proprio rapporto con lo smartphone

Noi di Smart Break continuiamo a scovare e sperimentare strategie per riequilibrare il rapporto che noi tutti abbiamo con le tecnologie digitali. Il nostro obiettivo è sempre quello di promuovere un uso consapevole sopratutto dello smartphone, visto che tutti noi ne abbiamo almeno uno ed è entrato nelle nostre vite in modo importante!

Le statistiche riguardo l'utilizzo del telefono sono sempre più alte: addirittura il New York Times riporta che in media le persone tocchino il proprio smartphone oltre 2.600 volte al giorno!  

Quindi qui troverai spiegato il Metodo S.M.A.R.T. 5 step per riequilibrare il tuo rapporto con lo smartphone. Sono cinque passi da fare uno dopo l'altro, ognuno può scegliere in che tempi. 

Il percorso prevede il cambiamento di alcune piccole abitudini malsane rispetto all'utilizzo dei device digitali, ci concentriamo sopratutto sullo smartphone visto che è quello più diffuso. è importante trovare strategie che siano sostenibili nella quotidianità e quindi innescare nuove abitudini che poi sia fattibile mantenere.

Io sostengo sia utile prendersi una pausa dal digitale una volta ogni tanto, il famigerato digital detox ha senso! Detto questo però è utile trovare delle nuove modalità per riequilibrare il proprio rapporto con il telefono nella vita di tutti i giorni: quando dobbiamo mandare avanti le richieste lavorative, la vita famigliare e i contatti con gli amici, ecc. 

Una cosa importante che è giusto tu sappia se decidi di intraprendere questo percorso: sei parte di un grande esperimento! Eh già, qui siamo nel bel mezzo di una ricerca, in un settore assolutamente innovativo e quindi fai parte di un progetto alquanto esclusivo 🚀 🕺! 

Che significa? 

Significa che non ci sono regole magiche, semplicemente perché il fenomeno che la nostra società sta vivendo con gli schermi digitali è talmente nuovo che siamo solo agli inizi! Quindi ciò che facciamo è provare, cercare, esplorare, proporre e poi fare il punto della situazione valutando i risultati ottenuti e facendo altri tentativi.

Nel mio lavoro come psicologa e formatrice nella promozione di un uso consapevole dello smartphone, propongo strumenti e modalità di lavoro diverse e personalizzate a seconda degli obiettivi di chi mi trovo di fronte, qui ne trovi alcune. 

Quindi ti chiedo anche una cosa molto importante: scrivici e contattaci per raccontarci come gestisci lo smartphone nella tua vita, facci sapere se trovi utile o meno il metodo qui proposto e gratuitamente saremo a tua disposizione per trovare anche delle soluzioni personalizzate. 

Precisazione metodologica: io qui parlo di dipendenza da smartphone per capirci e rendere il più chiaro possibile l'argomento ma ci tengo a precisare che a livello scientifico non è assolutamente riconosciuta la dipendenza da schermi e da internet, se vuoi approfondire questo argomento leggi pure qui

Metodo S.M.A.R.T. per riequilibrare il proprio rapporto con lo smartphone

Il metodo che proponiamo qui è composto da 5 step:

  1. STUDIA IL TUO COMPORTAMENTO

  2. METTI IN CHIARO I TUOI OBIETTIVI 

  3. ATTUA IL CAMBIAMENTO 

  4. RIQUALIFICA IL TUO TEMPO

  5. TRACCIA NEL FUTURO 

1. Studia il tuo comportamento 

Il primo passo consiste nel monitorare le tue abitudini digitali: quando, quanto e come usi il tuo smartphone? Questo passaggio lo puoi fare combinando l'auto-osservazione con degli strumenti che monitorano esattamente il tuo comportamento. Combinando questi due metodi arriverai ad avere una fotografia complessiva di come utilizzi il telefono.

Consigli pratici:

  • Qui trovi una serie di App che tracciano l'uso che fai del tuo smartphone.
  •  Osservandoti cerca di capire quali sono i momenti/luoghi che ti stimolano maggiormente l'utilizzo del telefono.
  • Prenditi una settimana per fare questa operazione, in modo da rilevare la tua attività dei diversi giorni settimanali e farne una media. 
  • Segna il tutto su un quaderno o dove ti è più comodo ma l'importante è che tieni traccia. 

2. Metti in chiaro i tuoi obiettivi 

Per ottenere un cambiamento, è necessario avere chiaro cosa vuoi ottenere. Definisci quale sia il problema per te, la situazione di disagio che vorresti modificare. Più si è specifici meglio è, proprio per evitare generalizzazioni che poi ci distanziano da ciò che può farci stare bene. Fermarsi a pensieri tipo "i telefoni stanno rovinando la nostra società", "si stava meglio senza cellulari" o "i ragazzini oggi non sono più capaci di parlare perché sono sempre sui social", ecc. rischia di banalizzare la questione e ci allontana dal comprendere cosa vogliamo veramente ottenere, nella nostra quotidianità. 

Ecco alcuni esempi di pensieri che solitamente raccolgo dalle persone che iniziano un percorso di sensibilizzazione all'uso delle tecnologie digitali:

  • mi sembra di non riuscire più a mantenere la concentrazione a lungo su un compito che svolgo, sono spesso distratto; 
  • mi preoccupa vedere i bambini oggi che nascono in un mondo di schermi e quindi vorrei dare delle buone abitudini ai miei figli; 
  • mi sembra che avere sempre il telefono mi porti a muovermi di meno, il mio tempo libero lo passo spesso a scrollare il mio piccolo schermo;
  • credo che no siamo più capaci di passare una serata in compagnia senza fare un selfie, un share, un post, un commento, ecc. e mi da fastidio stare al tavolo con gente che tira sempre fuori il telefono.

Chiarisci dentro di te quali sono i comportamenti da cui vorresti allontanarti rispetto all'uso che fai dello smartphone, tablet, ecc. Può essere che ci siano dei comportamenti che vorresti modificare negli altri (amici, figli, colleghi, ecc.) ma rimani concentrato su di te. Tutto ciò che puoi fare agire sui di te.

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo

3. Attua il cambiamento

Cambiare è stressante, richiede uno sforzo non indifferente ma d'altra parte ogni processo di apprendimento e sviluppo attraversa una fase di fatica. 

I dispositivi digitali sono costruiti stimolando una serie di meccanismi psicologici sottili e potenti che ci portano a rimanere sempre più incollati agli schermi. Quindi se il nostro smartphone è diventato parte del nostro corpo ormai non è perché abbiamo tutti perso il cervello ma semplicemente perché chi li costruisce è molto abile a mantenerci lì. 

Detto questo per cambiare le nostre abitudini digitali dobbiamo modificare dei comportamenti della nostra quotidianità in modo da innescare nuove abitudini sane.

Consigli pratici:

  • Torna alla sveglia analogica per alzarti al mattino e all'orologio da polso per guardare l'ora. 
  • Definisci una zona di casa per ricaricare i dispositivi, meglio ancora se in un cassetto o nell'armadio, in modo da mettere qualche ostacolo tra te e il telefono. 
  • Disattiva le notifiche di cui non hai assolutamente bisogno. 
  • Definisci luoghi e momenti offline (per esempio sui mezzi di trasporto, la prima e l'ultima ora della giornata, a tavola, ecc.).

4. Riqualifica il tuo tempo 

Una volta che hai iniziato ad essere consapevole delle tue abitudini digitali e ad apportare dei cambiamenti nella tua quotidianità, ti accorgerai di quanto tempo recuperi. Questa è una fase che passano tutti quelli che iniziano ad essere maggiormente consapevoli del proprio uso dello smartphone. Il punto è che spesso ci si trova a recuperare molti momenti del proprio tempo libero. Infatti negli ultimi 10 anni c'è stato un forte cambiamento nell'uso che l'essere umano fa del telefono: è passato dall'essere uno strumento di lavoro ad uno strumento di piacere. L'ultimo rapporto di We Are Social a proposito di digitale riportava che in Italia utilizziamo i social network 1h53 minuti al giorno in media e, non essendo tutti social media manager, deduco che quello è tutto tempo libero che dedichiamo al piccolo schermo nelle nostre tasche. 

Consigli pratici:

  • Elenca tutte le attività offline che non hai mai avuto il tempo di fare (sport, hobby, attività artistiche o conviviali, ecc.). 
  • Scegli una cosa dalla lista fatta e che potresti facilmente attuare senza far trascorrere altro tempo e organizzati per iniziare ad avviarla.
  • Osserva il mondo intorno a te e lasciati stupire, ormai non abbiamo più momenti di vuoto nella nostra quotidianità e invece sono preziosissimi. 

5. Traccia nel futuro 

Le abitudini nuove sono faticose da inserire nella propria vita ma poi vanno anche mantenute e per riuscire a farlo dobbiamo monitorarci nel tempo e assicurarci che non siamo ricaduti in pratiche poco sane. Un po' come chi decide di smettere con lo zucchero, tiene duro qualche settimana e poi però un cucchiaino alla volta riprende da dov'era prima. 

Quindi mettiti dei promemoria (sul telefono 😅), un post it sul calendario o ciò che per te funziona meglio ma insomma qualche segnale che ti faccia tornare a fare il punto della situazione sullo stato delle cose tra 3 mesi. 

monica bormetti