Smart Break

di Monica Bormetti
Via Pasteur 4, 20127 
Milano
info@smartbreak.it
349 097 097 9

  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon

Contenuti del sito protetti con Creativitysafe su Blockchain

WORKSHOP

"CREATIVITà

& DIGITALE"

Stop all'ansia da notifica ed incremento della produttiva lavorativa.

Trasforma il digitale nella tua chiave per il successo.

Un workshop di una giornata per sviluppare la propria creatività e trovare un equilibrio nell'uso dello smartphone.

perché creatività e benessere digitale?

Il World Economic Forum ha portato la creatività dal 10° al 3° posto nella lista delle skills da avere nel 2020 per un buono sviluppo professionale.

La letteratura scientifica ci dice che il modo in cui usiamo i dispositivi digitali ha un impatto sulle nostre capacità cognitive, tra cui la creatività. 

Trovare dei modi per riequilibrare il nostro rapporto con il cellulare riguarda tutti. E la creatività pure: risolvere un problema, affrontare un imprevisto, immaginarsi soluzioni nuove sono capacità necessarie nel mondo del lavoro oggi. 

creatività, noia e digitale

L'Università di Standford nel 2016 ha condotto un esperimento per analizzare la relazione tra lo svolgimento di un compit creativo e la performance creativa. 

I partecipanti sono stati sottoposti a diverse situazioni sperimentali in cui il filo comune era compiere un'attività noiosa e successivamente un compito creativo. 

I compiti noiosi consistevano nel copiare dei numeri da un elenco telefonico in un caso e nel secondo caso semplicemente leggere l'elenco telefonico. Insomma nulla di particolarmente gratificante. 

I risultati dello studio dimostrano che anticipare un'attività creativa da un compito noioso aiuta ad aumentare la propria performance. 

Tutto ciò è strettamente legato al modo in cui usiamo i dispositivi digitali oggi perché spesso il cellulare è il mezzo con cui evitiamo i momenti di noia.

Come posso aumentare la mia creatività/produttività nell'epoca delle distrazioni digitali?

CONSAPEVOLEZZA

Capire cosa accade nel proprio cervello con l’uso del digitale è importante visto che riguarda parecchio tempo delle nostre giornate. ​

AGGIORNAMENTO

l’uso sano del digitale è sempre più invasivo e diffuso e un buon professionista dovrebbe  essere aggiornato su come “maneggiarlo”, per sé e per gli altri.

 

ARGOMENTI DEL WORKSHOP

Riconoscere 

le trappole 

mentali da

smartphone

Tecniche di uso sano del digitale da inserire nella quotidianità.

I fondamenti del pensiero creativo

 Strategie di sviluppo della creatività.

Il workshop è condotto con una modalità partecipativa alternando momenti di esposizione della teoria di base ad esercitazioni individuali e di gruppo. Al fine di aumentare l'utilità dell'esperienza i partecipanti verranno quindi condotti all'applicazione dei principi trattati nella propria quotidianità.

Numero partecipanti: da 8 a 20.

a chi è rivolto il workshop libera mente

Il workshop è rivolto a professionisti sovra-stimolati dal digitale (mail, chat, CRM interno, ecc.) e che vogliono sviluppare il proprio pensiero creativo. 

Settori maggiormente coinvolti: comunicazione, marketing, formazione, servizio assistenza clienti.

perché partecipare

Aumentare la propria efficacia al lavoro, attraverso l'uso del pensiero creativo.

Abbassare l'ansia stimolata dalle continue stimolazioni digitali.

Ottimizzare le proprie energie imparando a gestire le distrazioni digitali.

chi siamo

Monica Bormetti
  • Grey LinkedIn Icon

Psicologa e formatrice, aiuta istituzioni e aziende sul benessere digitale. Fondatrice di smartbreak.it e autrice di #Egophonia, gli smartphone fra noi e la vita (Hoepli).

Emanuele Kettlitz
  • Grey LinkedIn Icon

Consulente, formatore e coach nelle aree comportamento organizzativo, customer and people care, processi di cambia-azione aziendali ed individuali.

Enrica Poltronieri
  • Grey LinkedIn Icon

Formatrice sulle metodologie creative per l’innovazione e sull’efficacia nella gestione dei clienti. 

Co-autrice di “Cantieri creativi: pratiche di creatività e innovazione”(Kkien Publishing International)