Smart Break

di Monica Bormetti
Via Pasteur 4, 20127 
Milano
info@smartbreak.it
349 097 097 9

  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon

No rights reserved - la conoscenza è tale solo se condivisa

Un ebook sull'iperconnessione

Updated: Jul 18, 2019


Sono stata contattata da un esperto di comunicazione che ha creato un ebook sull'iperconnessione. Marco Pini, fiorentino che dal 1998 lavora nella comunicazione digitale ed è socio di una web agency dove si occupa di web marketing, SEO e progettazione web.

Negli ultimi anni si è interessato di media education e così ha prodotto un ebook, o meglio un libro multimediale (scaricabile gratuitamente) con le voci (ascoltabili in mp3) di più generazioni su come viene vissuto, ed alle volte “abusato”, il digitale nella propria esistenza ed in relazione agli altri. Riflessioni su come vivere in maniera sana la digitalizzazione, l’iperconnessione ed i “micromomenti” passati spesso a “scorrere” le bacheche dei social network sui nostri smartphone, tipiche della nostra società.


Qui di seguito leggete le parole di Marco che raccontano il suo progetto e in fondo all'articolo il link per avere il libro.


Lo smartphone è diventato un elemento imprescindibile delle esistenze dei nativi digitali. Accenderlo è diventato (spesso anche per gli adulti) il primo pensiero appena svegli ed uno sguardo ad Instagram o alle chat di WhatsApp l’ultimo pensiero prima di andare a dormire (ci sono poi patologie che “costringono” a svegliarsi nel cuore della notte per controllare notifiche e chat o like, il così detto vamping).

Un cambiamento enorme nel modo di vivere la socialità, l’amicizia, l’amore, l’informazione, la formazione e l’intrattenimento specie se lo rapportiamo alle generazioni precedenti.

In una giornata siamo bombardati di informazione, riceviamo probabilmente più “input informativi” di quanto ne riceveva una persona del 900 in un’intera vita.

La paura di restare disconnessi, la nomofobia, è oramai una sindrome riconosciuta (non solo tra i minori) così come sempre più si parla di dipendenza da internet o dai giochi online (il caso di Fortnite ad esempio con ragazzini che non riescono a smettere di giocare in rete e si privano anche del sonno pur di restare connessi al gioco).


Educare e conoscere, non vietare o demonizzare il digitale e la rete

Non si tratta di demonizzare internet o i dispositivi digitali o creare allarmismi, ma di conoscerne le dinamiche e saper riconoscere i pericoli che comportamenti poco attenti a livello di privacy, relazioni, abuso e comunicazioni possono portare rischi per i ragazzi o veicolare comportamenti aggressivi che dovrebbero invece essere stigmatizzati ma che monitor e tastiera fanno sembrare purtroppo meno gravi.

Si tratta quindi di educare e di aiutare a comprendere cosa significa stare in rete in modo positivo e “non ostile”, di prendere coscienza che lo strumento che utilizziamo influenza il messaggio che comunichiamo e che senza un’educazione all’uso anche critico del digitale, a partire dalla scuola e dalla famiglia, la fruizione diventerà sempre più passiva.

Il digitale ed internet sono un’occasione unica per imparare, stare insieme, avvicinarsi a culture e mondi distanti tra loro e conoscerle ma la gestione delle tantissime informazioni e dei molti input non è semplice, neanche per gli adulti che spesso si scoprono a rispondere ad email lavorative a qualsiasi ora del giorno o della domenica o ad abusare dei social o a condividere vere e proprie fake news o a “vomitare” odio senza pensare o riflettere (un elemento tipico della comunicazione “mediata da un computer” è proprio il distacco e la minore consapevolezza delle conseguenze).

L’educazione ad un uso consapevole dei nuovi media è un’emergenza dei nostri tempi per tutte le generazioni, minori in particolare. Generazioni a confronto è un ebook che indaga il digitale a partire da un confronto tra generazioni diverse.

L’ebook (scaricabile gratuitamente) nasce da un questionario sul Cyberbullismo (Cyberbullismo allo specchio) somministrato in alcune scuole fiorentine nel corso 2018 (la ricerca sta continuando anche nel 2019), i risultati sono presentati (senza pretesa di scientificità) in questo ebook con l’obiettivo di dare degli spunti e dei semplici consigli, agli adulti che quotidianamente hanno a che fare con i minori in rapporto all’uso (e talvolta abuso) della rete e del digitale.


Generazioni a confronto. Voci, dati e parole sulle trasformazioni sociali nell’epoca della tecnoliquidità. è un ebook scritto da Vincenzo Bianculli, Enrico Bisenzi e Marco Pini.