Regali di Natale per il benessere digitale

Nel periodo precedente al Natale vedo un sacco di persone alla ricerca di regali originali e utili per i propri cari. Non è semplice trovare qualcosa di adeguato, sopratutto oggi che tutti abbiamo tutto (almeno in questa parte del mondo).

In questo articolo voglio darti qualche idea se vuoi offrire uno spunto in linea col benessere digitale. Infatti le vacanze possono essere un buon periodo per introdurre una nuova abitudine.


Perché introdurre nuove abitudini in vacanza

Cambiare costa un sacco di fatica, anche nelle cose minuscole. Nelle formazioni che faccio propongo spesso un breve esercizio ai partecipanti per fargli provare quanto sono profonde le nostre abitudini. Chiedo semplicemente alle persone di incrociare le braccia e poi di incrociarle in modo inverso (mettendo sopra il braccio che solitamente si mette sotto). Insomma nulla di stravolgente ma questo basta per far vivere alle persone la fatica di cambiare un automatismo semplice come l'incrocio delle braccia.

Figuriamoci quando si tratta di gesti che ripetiamo centinaia di volte nell'arco della giornata. Un articolo del New York Times di qualche anno fa riportava un dato interessante: picchiettiamo sul cellulare in media 2.617 volte al giorno. Capite bene quindi che un gesto così frequente nelle nostre vite diventa un'abitudine ben radicata. E quindi cercare di cambiarla non è la cosa più semplice.

I regali che propongo qui vanno un po' nella direzione di scardinare quell'abitudine, semplicemente introducendo piccole modifiche a delle prassi delle nostre giornate. Propongo regali che possono sembrare banali ma volutamente non sono nulla di stravolgente. Infatti visto che cambiare un'abitudine costa molta fatica, possiamo riuscirci nel momento in cui intraprendiamo una strada sostenibile, fatta di piccole cose.

Il periodo della vacanza è un buon momento per introdurre un cambiamento perché siamo più rilassati e disposti a fare quel po' di fatica per andare verso qualcosa che desideriamo. Infatti nei periodi di maggiore stanchezza e fatica, chiedere a noi stessi di introdurre un cambiamento rischia di risultare eccessivo e poco efficace.


1° regalo: sveglia analogica

Una sveglia sul comodino può cambiare in modo sostanziale il modo in cui usiamo il cellulare. Con una semplice sveglia sul comodino improvvisamente lo smartphone può non essere più il primo e l'ultimo oggetto che tocchiamo nella nostra giornata.

Quindi sceglietevi una sveglia che vi piace, qualsiasi, l'obiettivo è creare l'occasione affinché vi spogliate dell'abitudine di toccare il cellulare almeno all'inizio e alla fine della giornata. Non serve avviare cambiamenti drastici ed eccessivi, meglio piccoli e sostenibili. E quindi per esempio anche solo passare la prima e l'ultima mezz'ora senza il piccolo schermo, è già qualcosa.


2. Charging station

Nella stessa direzione va una charging station, ovvero postazione di caricamento cellulari in casa. Posta in un luogo preciso, meglio se poco a portata di mano. Come per la sveglia anche qui il principio è lo stesso, disegnare un'occasione in cui il cellulare non la fa da padrone nella gestione del nostro tempo. Avere una zona in casa in cui riporre il cellulare in carica, e almeno per quel paio d'ore non averlo attaccato al nostro corpo, è un esercizio di interruzione di un automatismo.


3. Stimola-conversazioni

In tutte le presentazioni e formazioni che faccio, emerge un dato interessante: la cosa che preoccupa di più le persone rispetto alla diffusione dei cellulari, è l'impatto sulle relazioni. Giusto o sbagliato che sia non sarò io a dirlo. Il tema è ampio e non si può ridurre ad una riposta univoca. Però quest'impressione che raccolgo da molti mi ha spinto nella scelta di questo terzo regalo. Il consiglio che vi do è scegliere un gioco che stimoli le conversazioni, con i vostri amici, famigliari, eccetera. In particolare ho due strumenti da consigliarvi, ma ce ne possono essere anche altri:


- Sei immortale. Cosa fai? Un libro con oltre 300 domande curiose che stimolano chiacchiere al di là del convenzionale.

- Vertellis. Un gioco a carte, di cui consiglio l'edizione famiglia per chi vuole farlo con i propri figli, in cui pescando le carte si avviano conversazioni interessanti.




Smart Break

di Monica Bormetti
Via Pasteur 4, 20127 
Milano
info@smartbreak.it
349 097 097 9

  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon

No rights reserved - la conoscenza è tale solo se condivisa